Passa ai contenuti principali

Living in a Ghost Town

Titolo questo post come la nuova canzone dei Rolling Stones scritta da Mick Jagger e Keith Richards  che non potrebbe essere più calzante visto il momento in cui stiamo vivendo!

Trovata commerciale? Non sembra visto che il sito IORR - It's only Rock and Roll aveva anticipato l'uscita di questo inedito in tempi non sospetti. Profeticamente il pezzo è stato abbozzato un anno fa, prima del lock-down nominato tra l'altro anche nel testo, ma la canzone è stata registrata tra Los Angeles e Londra e terminata nelle ultime settimane. 
Pare incredibile ma anche questa volta i Rolling Stones ci hanno visto lungo. 
Il video mi piace molto, già solo il vedere Londra per me è come tornare a casa, ma il fatto di iniziare un video con delle semplici carrellate in avanti, che sembra quasi di guardare da uno spioncino, ci fanno intravedere cosa accade nella città deserta, rende bene l'idea del momento, lo cristallizza in un attimo da conservare nei ricordi, perché ragazzi tra poco usciremo, e sperando di non dover correre di nuovo ai ripari, le città brulicheranno  di persone, la mia speranza è che tutti siano più consapevoli ed apprezzino con spontaneità tutto ciò che ci circonda, sarebbe un mondo migliore anche solo per questo. 
Intanto i Rolling Stones vedono e rappresentano bene quest' "attimo fuggente" forse non troppo fugace, che descrive il vuoto e la solitudine di una società distratta e fondamentalmente egoista, che ora quasi da entomologi osserviamo da lontano, cosa fare per modificarla? 
Quale sia la sfida a cui siamo chiamati a rispondere, credo sia chiaro, chi sarà pronto si metta ai posti di combattimento, tra pochi giorni avremo la resa dei conti!
Intanto ascoltiamoci i Rolling che è sempre un bel sentire! R&R 



I’m a ghost
Livin’ in a ghost town
I’m a ghost
Livin’ in a ghost town
You can come look for me
But I can’t be found
You can search for me
I had to go underground
Life was so beautiful
Then we all got locked down
Feel like a ghost
Living in a ghost town, yeah
Once this place was hummin’
And the air was full of drummin’
The sound of cymbals crashin’
Glasses were all smashin’
Trumpets were all screamin’
Saxophones were blarin’
Nobody was carin’ if it’s day or not
Woah, woah
I’m a ghost
Livin’ in a ghost town
I’m goin’ nowhere
Shut up all alone
So much time to lose
Just starin’ at my phone
Every night I am dreamin’ that you’ll come and creep in my bed
Please let this be over, not stuck in a world without end, my friend
Woah, woah
Woah, woah
Preachers were all preachin’
Charities beseechin’
Politicians dealin’
Thieves were happy stealin’
Widows were all weepin’
There’s no beds for us to sleep in
Always had the feelin’
It will all come tumblin’ down
I’m a ghost
Livin’ in a ghost town
You can look for me
But I can’t be found

Commenti

Post popolari in questo blog

Sognando di scrivere

      Questa tazza è stata uno dei pochi regali che mi sono fatta durante queste feste, se vogliamo considerarle tali.  Come molte persone che amano leggere e scrivere ovviamente adoro tutte quelle bevande capaci di accompagnare queste attività. Caffè e tisane e te... le cioccolate mi piacciono ma non me le faccio mai a casa solo al bar e molto raramente possibilmente con generosa panna montata, ecco perché raramente! La scritta ovviamente mi ha conquistata ed anche il suo stile molto minimal, come piace a me.  A tal proposito devo dire che sto leggendo molto, era tra le buone intenzioni dei 2021 e siamo a 7 gennaio ed ho all'attivo già 3 libri terminati e due in lettura, non male, brava Lucy. Poi farò un post a fine mese con i libri letti per evitare di annoiarvi ogni tre giorni con recensioni che probabilmente non porterebbero grandi novità nel vostro panorama culturale... o magari si, vedremo a fine gennaio.  Scrivere! Come avete compreso dal post precedente, scrivere è una mia

Fuga dall'indifferenza capitolo 1 - 2021

 Da maggio che non scrivo, intendo qui sul mio Magnolia.  Ci sono attività delle quali in realtà non posso fare a meno, respirare, scrivere.  L'atto di trasformare il pensiero in parola mi ha sempre affascinata, ricordo la sorpresa e l'adrenalina che mi invasero quando per la prima volta la maestra delle elementari ci portò in biblioteca e ci disse che potevamo prendere dei libri da leggere, a casa, bastava scrivere nome e  data su un quadernino rosso e ripetere l'operazione al momento della restituzione. La cosa piu' interessante era che questa cosa potevamo ripeterla, all'infinito! Pensavo io, ma le elementari hanno una durata prescritta di cinque anni, poi sarebbe stato più difficile, dalle medie in poi ho avuto insegnanti tremendi, non insegnanti persone tremende intorno tra cui anche molti miei insegnanti, che definirei per correttezza impiegati dell'insegnamento. Nessuno si accorgeva del mio desiderio di leggere, mi mancava come l'ossigeno,  non avevo

Meditare e resistere

Oggi mi devo mettere a fare una marea di cose, per affrontare la giornata sto cercando un podcast adatto ed ecco affiorare dal web un articolo di Vanity Fair  che potrebbe tornarmi utile. Potrei utilizzarlo piu' tardi, ho sempre desiderato meditare e cercare di raccogliere i pensieri e le energie per la giornata, in effetti bisognerebbe farlo la mattina appena svegli, quando ancora non ci sono i rumori della città, nessun whatsup, zero notifiche, solo noi ed il flusso della nostra interioritàche che lentamente, raccoglie le emozioni, ordinatamente le allinea. Questa partenza calma, fatta al mattino, cambia enormemente la resa e la consapevolezza durante  la giornata. Bisogna che io mi decida ad acquisire questa buona abitudine. Potremmo trarre tutti vantaggio dall'essere più consapevoli del potenziale bloccato dalle nostre emozioni e dai pensieri disordinati.  In fondo le routine servono anche a questo, vorrei introdurre, da oggi anche un momento di racco