lunedì 5 febbraio 2018

Trieste Piazza Unità e Rive


Se vi trovate per la prima volta a Trieste una delle prime cose da vedere è sicuramente la splendida Piazza Unità. 


La piazza si trova ai piedi del Colle di San Giusto e in posizione intermedia tra il Borgo Giuseppino ed il Borgo Teresiano, quasi un punto d'incontro per potersi fermare ad osservare il mare antistante la città. La piazza ha una pianta rettangolare, per alcuni aspetti ricorda moltissimo la splendida Praca do Comercio di Lisbona, un lato si apre direttamente sul Golfo di Trieste mentre sugli altri tre lati hanno sede alcuni Enti come il Municipio di Trieste, il palazzo della Giunta della regione e la prefettura del Capoluogo. 



                                  
                                      Tramonto sulla Piazza Unità - Scorcio Palazzo del Lloyd - Luciana Amato
Tornando indietro nel passato la piazza ha subito un restauro tra il 2001 ed il 2005 che ha visto un ripristino delle facciate di tutti gli edifici affacciati e la sostituzione dell'asfalto con dei blocchi in pietra arenaria che ricordano gli antichi masenghi che la rivestivano un tempo. La fontana dei quattro continenti è stata riposizionata proprio davanti al municipio, sua collocazione originaria e sul lato prospiciente il mare è stato creato un sistema di illuminazione blu, a ricordare il mandracchio ormai interrato nel corso dei secoli e sul quale ormeggiavano anticamente le navi mercantili. 


Tramonto alle spalle della Fontana dei Quattro Continenti - Luciana Amato



                   

Vista piazza Unità con nave scuola Amerigo Vespucci - Luciana Amato


Per chi dovesse trovarsi per la prima volta a Trieste e nella sua bella Piazza ecco una piccola guida dei palazzi presenti

  • Palazzo della Prefettura del 1905 , un tempo della Luogotenenza austriaca, con i caratteristici mosaici dorati che rappresentano gli stemmi della casa sabauda e personaggi caratteristici 
  • Palazzo Stratti del 1839, dove noterete al primo piano lo storico Caffè degli specchi, non perdetevi la loro proposta di caffè ed aperitivi immancabile lo Spritz ed irrinunciabile la cioccolata calda con la panna. 
Caffè degli Specchi piazza Unità- Luciana Amato

  • Il Municipio del 1875, sulla cui torre noterete i due automi bronzei che fanno udire i rintocchi allo scoccare delle ore, i famosi mikeze jakeze a cui riserverò sicuramente un altro post. 
Palazzo del Municipio piazza Unità - Luciana Amato

  • Il Palazzo Pitteri del 1780, il più antico di piazza Unità. Qui dopo un paio di passaggi ebbe la sua prima sede la Società Minerva fondata nel 1810 da Domenico Rossetti, al primo piano si trovava il famoso caffè Flora poi Nazionale e poi Audace. Qui abitò gli ultimi anni della sua vita Lelio Luttazzi
  • Grand Hotel Duchi d'Aosta, con lo stile
  • Palazzo del Lloyd ora sede della Regione
A lato della piazza potrete proseguire verso la piazza Verdi dove ha sede il Teatro Verdi e l'ingresso principale della elegante galleria Tergesteo.

Teatro verdi e Galleria Tergesteo - Luciana Amato


Superando piazza Unità dovete assolutamente fare una sosta in piazza della Borsa, prende il nome proprio dal palazzo della Borsa che qui ha sede in un elegante palazzo in stile neoclassico con tanto di timpano e colonne. Da non perdere anche la famosa Casa Bartoli dell'archietetto Max Fabiani in pregevole stile Liberty. 

Dettaglio Piazza della Borsa - Luciana Amato

Le così dette Rive costituiscono il lungomare che si allunga davanti la piazza Unità. Una passeggiata sulle stesse vi darà la possibilità di fare un tuffo tra l'intenso blu del cielo e del mare in un mix luminoso tra mediterraneità e mitteleuropa.

Stazione Marittima e monumento dedicato a Nazario Sauro - Luciana Amato


Camminando sul molo Audace fino la rosa dei venti, avrete la sensazione di galleggiare insieme alla città, ora voltate le spalle al mare e lo spettacolo vi conquisterà. Che sia mattino, pomeriggio, al tramonto o di notte con le luci ad illuminare la piazza ed i palazzi affacciati sul mare, ne resterete conquistati. Avrete la possibilità di osservare il vero profilo di Trieste, fatto dei palazzi neoclassici che con le loro linee sottili ed eleganti segnano la cifra identificativa della città. Il maestoso Palazzo del Savoia Excelsior, la chiesa greco ortodossa di S. Nicola, il bel Palazzo Carciotti con le sue caratteristiche colonne ioniche,  più avanti si apre il Canale di Ponterosso alla cui punta si erge la Chiesa di S. Antonio Taumaturgo e di lato le bellissime cupole azzurre della chiesa serbo ortodossa di San Spiridione. 

Vista Canale di Ponterosso San Antonio e San Spiridione - Luciana Amato


Il palazzo fronte mare più caratteristico è sicuramente la sede della vecchia pescheria ora spazio espositivo, il Salone degli incanti. Una sorta di basilica, architettonicamente parlando, che celebra il mare come vero protagonista della vita e dell'economia cittadina. 



Solo piccoli spunti, per guidare la vostra visita attraverso il luoghi salienti della città, l'esplorazione sarà la più bella sorpresa. Buone scoperte. 

Segui il Bed and Breakfast My Way anche su Facebook :


Per prenotare la tua vacanza a Trieste PRENOTA  Whatsup  0039.392.24.82.800






Your Website Title

Nessun commento:

Posta un commento